Blog tour ~ Recensione: “PS. I like you” di Kasie West

Buona giornata, amici lettori! Come state? È un po’ che non aggiorno ma oggi mi faccio perdonare con la quarta tappa di un blogtour di un libro che ho semplicemente adorato e che esce oggi in Italia per Newton Compton. Tenetevi pronti, lo vorrete comprare al volo!

Ovviamente sto parlando di Ps. I like you di Kasie West e se la cosa vi incuriosisce vi invito a recuperare le altre tre tappe online e a seguire le prossime perché vi faremo innamorare di Lily e della sua pazza storia, sappiatelo! Ma d’altronde, quando si tratta di storie adorabili come queste, la missione è molto più semplice ❤

Kasie West • Ps. I like you • 2017
Newton Compton • 320 pp.
Il sogno di Lily è comporre canzoni. Scrive versi ovunque le capiti. Anche durante le lezioni che proprio non riesce a digerire, per esempio quelle di chimica. Almeno fino al giorno in cui l’insegnante, esasperato dalla sua disattenzione, fa sparire dal suo banco qualsiasi oggetto possa distrarla: tutto tranne un foglio e una penna per prendere appunti. Ma la passione è più forte di tutto. E così Lily inizia ad appuntare versi sul banco, sperando che nessuno se ne accorga. Qualcuno però la scopre. Qualcuno che legge e aggiunge parole alle sue, sul banco. A ogni lezione di chimica. Tre volte a settimana. Quella che nasce tra Lily e il suo misterioso interlocutore è una vera e propria corrispondenza, che la entusiasma, le dà energia e la spinge a trasformare quelle frasi in testi di canzoni. Quanto può durare la magia?
e-book e cartaceo


Continua a leggere

Annunci

Recensione ~ “Seconds” di Bryan Lee O’Malley

Ogni tanto ritornano! Tempo orrido fuori dalla finestra, Netflix a palla e copertina mi hanno ricordato alcune atmosfere di questo graphic novel e mi sono ricordata di doverlo ancora recensire: ed eccomi qui!


Brian Lee O’Malley • Seconds • 2014
Rizzoli Lizard • 336 pp.
Katie fa la chef: da qualche anno dirige la cucina di un ristorantino chiamato Seconds, ma lavora duro per aprire un locale tutto suo in un vecchio edificio lungo il fiume, nel quale ripone tutte le proprie speranze di successo. Tra lo stress, le preoccupazioni, la mancanza di soldi e un ex fidanzato che le ha spezzato il cuore, la sua non sembra proprio essere la vita che ha sempre sognato: ha 29 anni e la sensazione di non avere più il controllo su niente. Ma grazie all’incontro sovrannaturale con il curioso «spirito della casa» di Seconds Katie scopre un modo inaspettato di “correggere” il passato e rimediare ai propri errori. Una scappatoia fin troppo facile, che metterà a rischio la sua stessa esistenza e quella di tutto il mondo da lei conosciuto.
e-book e cartaceo


Continua a leggere

Recensione ~ “Un bacio” di Ivan Cotroneo

Heilà bella gente ❤
Oggi finalmente torno qua sopra con una recensione a uno dei pochi libriccini che sono riuscita a leggere quest’anno durante le ultime fasi di scrittura della tesi e in attesa della discussione.

Ivan Cotroneo • Un bacio • 2010
Bompiani • 91 pp.
Lorenzo, Antonio, Elena. Due adolescenti. Un’insegnante. Un amore, un rimpianto, un atto di violenza. E un bacio.
E-book e cartaceo
Continua a leggere

Recensione ~ “Il suono del mondo a memoria” di Giacomo Bevilacqua

Scegliere due fotografie solamente per questo post è stato difficilissimo, visto che avrei assecondato volentieri la mia voglia di scattarne centomila a ogni tavola. Ma vabbe’! Vi lascio uno sconclusionato post su una meraviglia in ogni senso ❤

photogrid_1483455947706

Giacomo Bevilacqua • Il suono del mondo a memoria • 2016
Bao publishing • 179 pp.
Sam sta scrivendo un articolo. Una cosa complessa, che comporta che lui vada a vivere per due mesi a Manhattan e non parli assolutamente con nessuno. Ce la farà? In un certo senso sì, ma con le cose che Sam non ha previsto ci si potrebbe scrivere un libro.
e-book e cartaceo


Continua a leggere

Recensione ~ “The guys are props club” di Ingrid Seymour

14741819_10210161754067686_2051039756_n

A me piacciono le sfide. Da piccola mi lanciavo da sei-sette metri senza paura pur di far star zitto l’odioso amico che diceva che nessuna femmina l’avrebbe mai fatto o mi arrampicavo sugli alberi e facevo cucù in superstrada (lo so, non si fa! NO!) per sventolare la mano ai veicoli e guadagnarmi rivincite sui bulletti del paese. Quindi capirete che quando Ila di Airals World. Se ne leggon di libri mi ha proposto questo piccolo esperimento, ho dovuto dire sì. Ormai lei era diventata – è – qualcuno con cui scambiarsi pareri e impressioni, ma anche chiacchiere che esulano dal mondo dei libri e non posso che dirvi quanto sono felice di aver trovato una persona fantastica quanto lei!
Comunque per tornare alla proposta, in cosa consiste è presto detto: nell’assegnare un libro – che poi si è fatto lista per permetterci di scegliere quello che più ci attirava – all’altra da leggere. Un libro che mai, o molto probabilmente, non avrebbe letto. Un po’ come i libri da leggere l’estate che consegnavano maestre e professori, solo con la certezza che all’altra erano piaciuti da pazzi e li consigliava tantissimo. La sfida stava anche nel riuscire a individuare un romanzo, o una serie di opere, che sarebbero potute piacere all’altra. Come è andata a finire? Be’, lei mi ha dato una lista e come succedeva sempre a scuola finiva che invece di sceglierne uno soltanto, li leggevo tutti, per cui ne ho scelto uno, e poi ne ho letto anche un altro, e sto pensando di accalappiarne un altro ancora non appena possibile. Ma veniamo ai romanzi!
La lista che le ho dato era questa:

Ebbene sì, l’ho contagiata con La chimera di Praga e ora so che mi odia per quanto la serie l’abbia presa 😀 Ma quanto è bello quando qualcuno ama qualcosa che anche tu adori visceralmente? ❤
La lista di Ila invece comprendeva:

  • The guys are props club di Ingrid Seymour
  • The truth about lettin go di Leigh Talbert Moore
  • A volte ritorno di John Niven
  • Una scommessa per amore di Jennifer Crusie
  • Big Apple di Marion Seals
  • Notizie che non lo erano. Perché certe storie sono troppo belle per essere vere di Luca Sofri

La mia scelta è ricaduta su The guys are props club, perché dell’autrice mi parla bene da mesi e mesi e la curiosità è venuta spontanea; ma ho letto anche Big apple, perché, dai, si parla anche di editoria e secondo voi io me lo lasciavo sfuggire?! Ma prima di passare alla recensione, la lista dei prossimi libri tra cui scegliere per Ila (non vedo l’ora di sapere cosa sceglierai e cosa mi proporrai stavolta!) − ma anche per voi che leggete: prendeteli come dei consigli per gli acquisti!


the-guys-are-props-clubGuys are props club
di Ingrid Seymour


EDITORE: Inedito in Italia
ANNO: 2013
PAGINE: 256
La serie G.A.P.:
#1 Guys are props club | #2 Girls are players
LO POTETE TROVARE IN CARTACEO ED E-BOOK
DIFFICOLTÀ DI LETTURA IN LINGUA INGLESE: 1/3


Durante l’ultimo anno di lice, Maddie Burch ha promesso a se stessa che non si sarebbe mai più innamorata di un ragazzo carino – o di qualsiasi ragazzo – mai più. Che i ragazzi carini sono dei dongiovanni e non ci si può fidare l’ha imparato nel modo peggiore quando il suo primo ragazzo le ha spezzato il cuore in mille pezzi. Due anni dopo, la sua promessa non è stata infranta, ed è determinata a superare il college senza finire vittima di un altro omuncolo. Ha un lavoro, l’università e il “Guys are props club” per ricordarle di tenere la testa e gli ormoni sulla retta via.
Il club è stato fondato da Jessica, la sua migliore amica. È una sorellanza di ragazza che sono finite vittime di ragazzi senza cuore e che hanno promesso di prendersi la rivincita. Una volta a semestre, Jessica chiede ai membro di “fare agli altri ciò che è stato fatto loro”. Per dare l’esempio, la nuova vittima di Jessica è Sebastian Capello, uno studente di teatro con l’aspetto da rubacuori e una passione per la musica latina, di cui vuol spezzare il cuore come è stato spezzato a lei.
Ciò che non sa è che Sebastian è diverso. A dispetto del suo aspetto e della sua popolarità, non è senza cuore. Non compie giochetti per ottenere quel che vuole. Infatti, cerca di raggiungerlo in modo onesto. E quel che vuole non è quello schianto di Jessica, ma una ragazza coi piedi per terra come Maddie – anche se ciò significa mettere a rischio un’amicizia. Anche se significa che Maddie debba infrangere la sua promessa. Continua a leggere