Recensione: “Mystic city”, di Theo Lawrence

Buongiorno, bambolotti, e buon inizio della settimana! Sono reduce dalla visione della Puntata di Outlanderyou know what I mean – e della prima della nuova stagione di Downton Abbey e, no, non c’è modo migliore di iniziare una giornata, specialmente un lunedì mattina. Oggi tipo uscirà la graduatoria delle borse di studio e sono un fascio di nervi ma okay, pensiamo alle cose serie. Tipo questa recensione, la più arrabbiata e delusa che abbia scritto finora. Mi dispiace tantissimo quando ho grandi aspettative e mi ritrovo a vederle demolite una dopo l’altra. Mai fidarsi delle copertine, mannnaggia a me! E, soprattutto, mai del modo in cui un libro viene pubblicizzato. Mai, Cecilia, mai.

71Q0piTLVYL._SL1381_

Titolo: Mystic city
Serie: Mystic City #1
Autore: Theo Lawrence
Traduttore: Giorgio Salvi
Casa editrice: Mondadori
Anno: 2014
Pagine: 390

In una New York sommersa dall’acqua a causa del riscaldamento globale, i quartieri sono rigidamente divisi: Aire, la zona più elevata, è abitata dai ricchi, mentre la classe inferiore è costretta a vivere nel degrado del livello più basso, Abyss. La sopravvivenza della città è garantita dall’energia generata dai mystic, rappresentanti della classe inferiore dotati di poteri magici. Ma i mystic sono un potenziale pericolo, e per contenere la loro minaccia le due famiglie rivali che governano New York si alleano: Aria e Thomas, i rispettivi figli, dovranno sposarsi. Ma Aria si innamora di Hunter, un mystic ribelle e appassionato rivoluzionario, determinato a cambiare il destino del suo popolo. Un amore proibito è destinato a portare lutti e dolore, ma anche a travolgere per sempre la vita di Aria e del mondo stesso. Continua a leggere

Annunci