Recensione ~ “Luna” di Julie Anne Peters

Luna è uno di quei libri che tutti dovrebbero leggere ma di cui ho sentito a malapena parlare, forse perché viene trattato un tema particolare di cui non si vuol parlare o che non si capisce in pieno, non lo so. Fatto sta che per me è un romanzo istruttivo, oltre che meravigliosamente reale nel suo carico di dolore e speranza e ve ne volevo parlare da un po’.

LunaLuna
di Julie Anne Peters


TITOLO ORIGINALE: Luna
EDITORE: Giunti
TRADUTTRICE: Sara Reggiani
ANNO: 2010
PAGINE: 384


Regan, fin da piccola, ha sempre saputo che suo fratello Liam era diverso dagli altri. Liam ha sedici anni. È alto, bello, muscoloso e corteggiatissimo ma la verità è che si sente una ragazza intrappolata dentro un corpo da ragazzo. Regan è l’unica condividere questo segreto con Liam – o Luna come preferisce farsi chiamare – che ogni notte in camera della sorella si trasforma con trucchi e vestiti da ragazza nel suo alterego femminile. All’insaputa dei genitori, una madre troppo occupata nella sua professione di wedding planner e un padre frustrato da un lavoro rutinario, Regan si trova da sola a dover aiutare e sostenere il fratello (quasi una sorella) nel difficile percorso verso la trasformazione. Ma anche per Regan è il momento del cambiamento e quando, durante una lezione di chimica, un ragazzo appena trasferito nella sua scuola, si accorge di lei, insieme ai primi turbamenti del cuore arrivano anche le complicazioni che l’avere un fratello trans comporta…


Continua a leggere

Recensione · “Wonder”, di R.J. Palacio

Ricordate quanto abbia amato Trevor di James Lecesne? Auggie, il protagonista di Wonder, ne è a modo suo l’erede, uniti da quel filo invisibile che tiene insieme due vite differenti da quelle ordinarie e, proprio per questo, meravigliose da leggere. Ecco, tanto quanto vi continuo a consigliare il primo, da oggi aggiungete alla lista pure questo.


WonderWonder
di R.J. Palacio


EDITORE: Giunti
TRADUTTRICE: Alessandra Orcese
ANNO: 2013
PAGINE: 288


È la storia di Auggie, nato con una tremenda deformazione facciale, che, dopo anni passati protetto dalla sua famiglia per la prima volta affronta il mondo della scuola. Come sarà accettato dai compagni? Dagli insegnanti? Chi si siederà di fianco a lui nella mensa? Chi lo guarderà dritto negli occhi? E chi lo scruterà di nascosto facendo battute? Chi farà di tutto per non essere seduto vicino a lui? Chi sarà suo amico? Un protagonista sfortunato ma tenace, una famiglia meravigliosa, degli amici veri aiuteranno Augustus durante l’anno scolastico che finirà in modo trionfante per lui. Il racconto di un bambino che trova il suo ruolo nel mondo.


Continua a leggere

Recensione: “The giver”, di Lois Lowry

Sono stanchissima, miei piccoli, grandi amici, ma questa recensione devo pubblicarla assolutamente. Non è venerdì, per domani ne ho un’altra in programma, ma visto e considerato che l’ho letto in  inglese, non sono proprio fuori tema con quello che avrei dovuto postare. Dopo due settimane passate a cercare di buttar giù recensioni decenti e a cancellarne una dopo l’altra, ho partorito. Non so quello che esattamente è venuto fuori, visto e considerato che l’ho scritta ieri notte e ieri mattina con gli occhi ancora chiusi dal sonno, ma okay, mi accontento. Quando arriva venerdì? Ho bisogno di andare in letargo, stare in pigiama tutto il giorno e leggere in santa pace quel che voglio quando voglio. Ovvia. Per adesso, vi lascio alla recensione di una piccola perla che probabilmente non avrei mai letto se due persone non mi ci avessero avvicinata e vi auguro un’ottima, ma che dico?, splendida giornata!

cop-low-the-giver-HPPIS845Titolo: The giver
Serie: The giver #1
Autrice: Lois Lowry
Traduttrici: Angela Ragusa e Sara Congregati
Editore: Giunti
Anno: 2014 (p.e. 1995)
Pagine: 176

Jonas è un adolescente che vive in un mondo perfetto. Nella sua Comunità non ci sono più guerre, differenze sociali o sofferenze. Tutto ciò che può causare dolore o disturbo è stato abolito, compresi gli impulsi sessuali, le stagioni e i colori. Le regole da rispettare sono ferree ma tutti i membri della Comunità si adeguano al modello di controllo governativo che non lascia spazio a scelte individuali.
Ogni unità familiare è formata da un uomo e una donna a cui vengono assegnati un figlio maschio e una femmina. Ogni membro della Comunità svolge la professione che gli viene affidata dal Comitato degli Anziani nella cerimonia annuale di dicembre. E per Jonas quel momento cruciale sta arrivando… Continua a leggere

Recensione: “Hybrid. Quel che resta di me”, di Kat Zhang

hqcrdmlibroTitolo: Hybrid. Quel che resta di me [TO What’s left of me]
Serie: The Hybrid Chronicles #1
Autrice: Kat Zhang
Traduttrice: Carla De Caro
Editore: Giunti
Anno: 2013
Pagine: 416

In un mondo alternativo, ogni persona nasce con due diverse personalità, due anime. Con il passare del tempo, in modo naturale, l’anima dominante prende il sopravvento e quella recessiva viene dimenticata, scompare come un amico immaginario che ci ha tenuto compagnia solo nell’infanzia. Il sopravvivere delle due anime dopo la pubertà è illegale e visto dalla società come un’aberrazione da correggere. Ma in Addie, nonostante i suoi sedici anni, è ancora presente Eva, la sua seconda anima. Rannicchiata nella mente di Addie, Eva interagisce con l’altra parte di sé: come due vere sorelle si amano, si proteggono, ma possono diventare anche gelose l’una dell’altra. Nonostante tutti i tentativi per difendere e nascondere l’esistenza della debole Eva, il segreto di Addie viene scoperto.

Immaginate di vivere intrappolati nel corpo del vostro fratello gemello, essere un’anima recessiva non destinata a superare l’infanzia e di cui tutti fingono di dimenticarsi, per quieto vivere, dopo la scomparsa. È questo l’universo claustrofobico e ansiogeno creato da Kat Zhang, un mondo fantascientifico tanto affascinante quanto inquietante, in cui due persone condividono lo stesso corpo e le stesse sensazioni, ma sono dotate di personalità indipendenti, capaci di interagire e prendere il sopravvento l’una sull’altra. Almeno fino alla pubertà, dopo la quale l’anima più debole lentamente si assopisce, perde forza di volontà e di movimento, lascia nell’altra il tiepido ricordo di un fratellino o una sorellina in potenza che non avrà più a fargli compagnia nella mente. Solo allora si avrà un individuo a tutto tondo, padrone totalmente della propria pelle. Tuttavia, qualche volta l’anima recessiva non si addormenta col passare degli anni, rimane in sottofondo nella testa di quella dominante nonostante la sua stessa esistenza rischi di far classificare la persona come Ibrido, ciò che più la società americana aborre e cerca di combattere con ogni mezzo possibile perché minaccia alla vita altrui. È questo quello che succede a Eva, la narratrice della storia, coraggiosa quanto testarda e tenera anima debole di Addie, suo vero e proprio sostegno, amica fedele e disposta a restare in silenzio finché questo comporta il tenerla al sicuro. Finché non conosce – o, sarebbe meglio dire, conoscono – Devon e Hally, e Ryan e Lissa. Esiste forse una possibilità per Eva di riprendere possesso del corpo? E fino a dove è disposta ad arrivare Addie per aiutarla? Continua a leggere