Recensione: “La sedicesima luna”, di Kami Garcia e Margaret Stohl

Buongiorno, amici, e buon venerdì, soprattutto! Ultimo mio fine settimana prima dell’inizio dei corsi e ultimi giorni di pseudo-normalità che passerò attanagliata dall’ansia per tutto quello che qualcosa che ho atteso per così tanto potrà portarmi. Ovvero, tre giorni da passare accovacciata a dondolarmi sui talloni in un angolo della stanza rivolta verso il muro mormorando parole in lingue che nemmeno conosco, perché farcela mai e, cosa più importante, mai farsi prendere dal panico. Ma va bene, siamo qui per una cosa meno stupida di me: la recensione di oggi! Vi avevo già nominato questo libro, letto qualche settimana fa – del quale ancora devo vedere il film che mi dicono sia orribile – e, specialmente, una delle sue due autrici, la Garcia, della quale è uscito quasi un mesetto fa Unbreakable, di cui vi avevo parlato e che ancora non ho avuto l’opportunità di leggere. Perciò, niente, vi lascio alla recensione e vi auguro un buon week-end! Appuntamento a domenica, bamboli! ❤
[Ps: ho modificato il menu qua sopra, rendendolo più snello e più pratico. Le recensioni, adesso, potete trovarle suddivise in ordine per autore, editore, punteggio, serie e titolo, perché una maniaca dell’ordine affetta da disturbo ossessivo complusivo come me aveva bisogno di renderle più presentabili e ordinate, ecco.] Continua a leggere

Recensione: “Chrysalis”, di Jodi Meadows

Buon inizio di settimana, amici! Manca una settimana all’inizio dei corsi e io ancora non so se frequenterò un corso questo semestre, perché le segreterie studenti non si smentiscono mai e hanno concentrato i sei corsi obbligatori nel secondo semestre, quindi sarà una corsa ad ostacoli ad occhi chiusi da marzo a fine giugno ma va bene. Non ho ben chiaro se debba andare ad accendere tutti i ceri in chiesa nella speranza che mi aiutino a sopravvivere a un semestre di fuoco oppure debba gioire dell’avere mesi di pressoché libertà visto e considerato che i sei crediti a scelta voglio impiegarli in un corso che potenzialmente potrebbe non partire mai per scarso numero (e tipo è incentrato sulla nascita del romanzo giallo europeo degli anni ’30 perciò CAN YOU HEAR ME CRY AND PRAY GOD TO LET ME HAVE THIS ONE?). Ma okay, parliamo di cose decisamente più interessanti. Tipo il libro di oggi, letto quest’estate e adorato in maniera totale e totalizzante. Non posso che consigliarvelo, perciò passiamo alla recensione! Continua a leggere