Recensione ~ “The guys are props club” di Ingrid Seymour

14741819_10210161754067686_2051039756_n

A me piacciono le sfide. Da piccola mi lanciavo da sei-sette metri senza paura pur di far star zitto l’odioso amico che diceva che nessuna femmina l’avrebbe mai fatto o mi arrampicavo sugli alberi e facevo cucù in superstrada (lo so, non si fa! NO!) per sventolare la mano ai veicoli e guadagnarmi rivincite sui bulletti del paese. Quindi capirete che quando Ila di Airals World. Se ne leggon di libri mi ha proposto questo piccolo esperimento, ho dovuto dire sì. Ormai lei era diventata – è – qualcuno con cui scambiarsi pareri e impressioni, ma anche chiacchiere che esulano dal mondo dei libri e non posso che dirvi quanto sono felice di aver trovato una persona fantastica quanto lei!
Comunque per tornare alla proposta, in cosa consiste è presto detto: nell’assegnare un libro – che poi si è fatto lista per permetterci di scegliere quello che più ci attirava – all’altra da leggere. Un libro che mai, o molto probabilmente, non avrebbe letto. Un po’ come i libri da leggere l’estate che consegnavano maestre e professori, solo con la certezza che all’altra erano piaciuti da pazzi e li consigliava tantissimo. La sfida stava anche nel riuscire a individuare un romanzo, o una serie di opere, che sarebbero potute piacere all’altra. Come è andata a finire? Be’, lei mi ha dato una lista e come succedeva sempre a scuola finiva che invece di sceglierne uno soltanto, li leggevo tutti, per cui ne ho scelto uno, e poi ne ho letto anche un altro, e sto pensando di accalappiarne un altro ancora non appena possibile. Ma veniamo ai romanzi!
La lista che le ho dato era questa:

Ebbene sì, l’ho contagiata con La chimera di Praga e ora so che mi odia per quanto la serie l’abbia presa 😀 Ma quanto è bello quando qualcuno ama qualcosa che anche tu adori visceralmente? ❤
La lista di Ila invece comprendeva:

  • The guys are props club di Ingrid Seymour
  • The truth about lettin go di Leigh Talbert Moore
  • A volte ritorno di John Niven
  • Una scommessa per amore di Jennifer Crusie
  • Big Apple di Marion Seals
  • Notizie che non lo erano. Perché certe storie sono troppo belle per essere vere di Luca Sofri

La mia scelta è ricaduta su The guys are props club, perché dell’autrice mi parla bene da mesi e mesi e la curiosità è venuta spontanea; ma ho letto anche Big apple, perché, dai, si parla anche di editoria e secondo voi io me lo lasciavo sfuggire?! Ma prima di passare alla recensione, la lista dei prossimi libri tra cui scegliere per Ila (non vedo l’ora di sapere cosa sceglierai e cosa mi proporrai stavolta!) − ma anche per voi che leggete: prendeteli come dei consigli per gli acquisti!


the-guys-are-props-clubGuys are props club
di Ingrid Seymour


EDITORE: Inedito in Italia
ANNO: 2013
PAGINE: 256
La serie G.A.P.:
#1 Guys are props club | #2 Girls are players
LO POTETE TROVARE IN CARTACEO ED E-BOOK
DIFFICOLTÀ DI LETTURA IN LINGUA INGLESE: 1/3


Durante l’ultimo anno di lice, Maddie Burch ha promesso a se stessa che non si sarebbe mai più innamorata di un ragazzo carino – o di qualsiasi ragazzo – mai più. Che i ragazzi carini sono dei dongiovanni e non ci si può fidare l’ha imparato nel modo peggiore quando il suo primo ragazzo le ha spezzato il cuore in mille pezzi. Due anni dopo, la sua promessa non è stata infranta, ed è determinata a superare il college senza finire vittima di un altro omuncolo. Ha un lavoro, l’università e il “Guys are props club” per ricordarle di tenere la testa e gli ormoni sulla retta via.
Il club è stato fondato da Jessica, la sua migliore amica. È una sorellanza di ragazza che sono finite vittime di ragazzi senza cuore e che hanno promesso di prendersi la rivincita. Una volta a semestre, Jessica chiede ai membro di “fare agli altri ciò che è stato fatto loro”. Per dare l’esempio, la nuova vittima di Jessica è Sebastian Capello, uno studente di teatro con l’aspetto da rubacuori e una passione per la musica latina, di cui vuol spezzare il cuore come è stato spezzato a lei.
Ciò che non sa è che Sebastian è diverso. A dispetto del suo aspetto e della sua popolarità, non è senza cuore. Non compie giochetti per ottenere quel che vuole. Infatti, cerca di raggiungerlo in modo onesto. E quel che vuole non è quello schianto di Jessica, ma una ragazza coi piedi per terra come Maddie – anche se ciò significa mettere a rischio un’amicizia. Anche se significa che Maddie debba infrangere la sua promessa.


· Recensione ·

Di tutto quello che poteva indossare, portava un gilè stretto, e — se devo essere onesta — devo dire che gli stava da Dio. Era cucito alla perfezione. Era di due colori diversi, grigio davanti e nero satinato sul retro. Sotto, portava una camicia elegante, arrotolata ai gomiti. Come pantaloni, indossava dei jeans scuri che lo calzavano come guanti chirurgici. Le scarpe nere erano lucide e sembravano nuove.
Regola numero 6: Un dongiovanni sa vestirsi bene.

L’idea di creare un club per vendicarsi dei ragazzi che ci hanno spezzato il cuore è un po’ infantile ma, ammettiamolo, chi non ha mai voluto rendere pan per focaccia a qualcuno per il dolore che ci ha inferto? Il GAP, ‘Guys are props club’, serve a questo: scegliere un ragazzo, tra quelli indicati dalle altre, farlo innamorare e poi mollarlo per vendicare qualcun’altra. Le regole sono semplici, lo scopo ben chiaro e qualsiasi ragazza appena lasciata o che non ha ancora superato la rottura vi aderisce più che volentieri, in un’unione solidale con le altre nell’odio comune verso i maschi. Ma col tempo il tutto perde attrattiva, o almeno è così per la studentessa di infermieristica Madison. Si è stancata, non vuole saperne più e se accetta quell’ultimo “incarico” è solo per far contenta Jessica. In fondo, è lei quella con cui si è confidata quando, arrivata al college, si è ritrovata col cuore spezzato e quella sofferenza in comune è stata il collante che le ha fatte unire, e da cui poi è nato il club per vendicarsi di tutti i playboy del college.
Maddie però non ne può più. L’ultima volta, la prima per altro, non è andata bene e si sente ancora in colpa. Non è così che intende superare una rottura, ma quando la tua migliore amica le chiede un favore e si sente in debito accettare è l’unica cosa che può fare. Finché non incontra Sebastian, la vittima designata di Jessica. Che non è poi così pessimo come questa lo descrive però: studente di teatro e ballerino di latino-americano, Sebastian è un ragazzo carino, gentile e affascinante che del seduttore seriale ha effettivamente poco. E che fin da subito sembra capire quanto Jessica sia meschina. Cosa che Madison ancora non sa fare. Il suo è uno sguardo positivo verso la vita e le opportunità che le offre, verso chi incontra, nonostante tutto, e il suo modo di vedere sempre il meglio in tutti è adorabile, oltre che coraggioso – e forse è proprio questo ciò che me l’ha fatta amare ancora di più: Maddie ha coraggio nel ricercare il buono in tutto ciò che fa ed è qualcosa che le invidio tanto. Seguire le vicende dal suo punto di vista poi è un punto in più alla narrazione che permette non solo di conoscerla meglio, ma di vedere le cose dalla sua prospettiva. È in questo modo che si conosce Sebastian, si percepisce l’egoismo e l’immaturità di Jessica e si fa la conoscenza del miglior personaggio del libro, ovvero il piccolo Hunter; ed è così che la si vede anche maturare e prender coscienza di dover superare la brutta rottura del liceo che ancora l’assilla e imparare a dire no alle richieste dell’amica, specialmente se non la fanno sentire bene con se stessa. Sono dei mutamenti piccoli e lenti, che si portano avanti per tutto il romanzo, per poi esplodere e rimescolare le dinamiche delle relazioni, a tal punto da farle cambiare, a volte anche spezzare.
La dinamica in fondo non è nuova. Si è sempre nel solito modus operandi del new adult, nel quale si ragiona in termini di relazione proibita o ostacolata tra due ragazzi, ma questo non toglie che Guys are props club sia una lettura leggera e spensierata, perfetta per l’estate sotto l’ombrellone o sotto il calduccio di una coperta in compagnia di una tazza di tè o cioccolata calda. Perché le storie d’amore, per quanto semplici, servono sempre a riscaldare il cuore e ogni momento è buono per lasciarsi distrarre dalla quotidianità per fare un tuffo in un romance dolce e tenero, con un pizzico di angst che non guasta, e che scorre via con leggerezza.

Sebastian si voltò per guardarmi. Ci fissammo negli occhi finché chiese, «Perché hai paura di lasciarmi entrare? Qualcuno ti ha ferita?».
Distogliendo lo sguardo, mi tirai su a sedere e abbracciai le gambe.
Regola numero 8: Mai condividere i tuoi segreti con un dongiovanni. Li userà sempre a suo vantaggio.

3/5
📚📚📚

Annunci

Ciao lettore! Se hai letto il post, mi piacerebbe che lasciassi traccia del tuo passaggio facendomi sapere cosa ne pensi per scambiare due chiacchiere. Ti va?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...