Recensione ~ “Aldo Manuzio” di Andrea Aprile e Gaspard Njock

photogrid_1481555716449

Da studentessa e appassionata di Editoria, ho dei miti irraggiungibili di cui tento di documentarmi sempre più, senza averne mai abbastanza. Fra i tanti, Aldo Manuzio, padre dell’editoria. La sua è una figura che mi affascina e che venero da qualche anno, a cui si deve proprio tanto e nemmeno lo si sa; ecco perché da quando ho saputo di questo graphic novel dovevo averlo.

aldo-manuzioAldo Manuzio
di Andrea Aprile e Gaspard Njock


EDITORE: Tunué
ANNO: 2015
PAGINE: 119
LO POTETE TROVARE IN CARTACEO


Manuzio è stato uno dei più grandi tipografi di tutti i tempi: a lui sono attribuite innovazioni che si sono rivelate decisive perché il libro divenisse l’oggetto che conosciamo.
In quest’opera, il piano temporale della vicenda biografica dell’editore e dell’umanista s’intreccia con quello di due giovani d’oggi, in un continuo gioco di rimandi e dissolvenze. Luigi e Caterina, infatti, si conoscono a Venezia e ripercorrono le stesse strade di Aldo, calandoci nel mezzo di quelle sfide, e vicende personali, che l’hanno trasformato in uno dei padri della nostra cultura.



· Recensione ·

Vi assicuro che questo nuovo formato tascabile sarà il futuro dei tomi e riempirà le nostre scarselle.

A lui dobbiamo il libro in quanto tale, strumento per la diffusione di idee alla portata di tutti e non solo di un’élite. A lui, con Francesco Grifo, dobbiamo il corsivo e dei font che risultassero appropriati per la pagina. A lui dobbiamo il tascabile, da portar con sé ovunque perché più piccolo e leggero. A lui dobbiamo la nascita del concetto moderno di editore, riconoscibile grazie alla sua ancora posta su copertina e colophon. Sono solo alcune delle cose di cui il lettore di oggi deve dire grazie a Aldo Manuzio, ma sono tre cose fondamentali per la nascita dell’editoria moderna mondiale. L’operazione messa in atto, circondato dai più importanti pensatori e scrittori dell’epoca, primo fra tutti Bembo, è chiara: permettere a tutti, e non soltanto a chi è ricco, di avvicinarsi ai testi di cultura. Certo, siamo a fine Quattrocento e inizio Cinquecento, e per “tutti” si intende chi sa leggere – e ancora in pochi in Italia sanno farlo –, ma la questione è un’altra: nessuno, prima di lui, aveva pensato di rendere l’editoria a portata di un pubblico più vasto, non specialistico e quindi allargare il raggio d’azione per avvicinarsi a una diffusione più democratica, tempi permettendo, della cultura.
Queste sue idee innovative sono al centro di Aldo Manuzio che, in un viaggio temporale tra passato e presente, lega assieme due storie diverse ma legate da un filo rosso comune. Da un lato abbiamo Luigi, bassianese come Aldo in trasferta a Venezia dove incontrerà Caterina, appassionata di libri che lavora in un’antica tipografia in città e si applica in prima persona per portare libri ai bambini in Africa, e Alfredo, ultimo discendente di Manuzio che sarà ben felice di raccontargli la storia dell’avo. E dall’altro lato, Aldo, la cui vita è raccontata dall’infanzia fino ai trionfi a Venezia. Di umili origini, riesce a studiare grazie all’intercessione del padre presso una famiglia nobile, ma, non sentendosi parte dell’ambiente in cui cresce, matura molto presto un’attrazione verso i primi libri a stampa (gli incunaboli).

photogrid_1481556302649

Da Roma la scena si sposta prima a Ferrara, dove Aldo diviene precettore dei principi di Carpi, incontro e rapporto fondamentali che gli permetteranno di raggiungere la città italiana che a quel tempo era la più aperta alle sollecitazioni straniere e innovative: Venezia, dove impianta la propria stamperia e darà vita in breve tempo al centro nevralgico dell’editoria europea, nonché a una rivoluzione culturale senza pari. E di cui si può scoprire ancora di più con un lungo approfondimento a fine volume di Antonio Polselli.
Non mi hanno fatta impazzire le tavole, ma i colori sì. Acquarellati, sanno mostrare con grazia lo spirito dell’epoca, dei suoi colori e al tempo stesso parlare senza bisogno di esprimere tramite dialoghi. Particolarmente incisivi sono i disegni dell’Aldo giovane o di Luigi coi suoi tormenti attuali, perché sanno arrivare senza bisogno della parola e questo credo sia uno dei grandi meriti da riconoscere a un ottimo graphic novel. Di cose così, poi, per (ri)scoprire una figura poco nota, purtroppo, ce n’è un disperato bisogno.

4/5
🎨🎨🎨🎨

Annunci

9 pensieri su “Recensione ~ “Aldo Manuzio” di Andrea Aprile e Gaspard Njock

Ciao lettore! Se hai letto il post, mi piacerebbe che lasciassi traccia del tuo passaggio facendomi sapere cosa ne pensi per scambiare due chiacchiere. Ti va?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...