Recensione ~ “#Amorenoncorrisposto” di Sarah Ockler

Sono tornata un tre orette fa a casa e avrei voluto scriver qualche recensione degli ultimi libri, ma non è giornata evidentemente. Sto seguendo corsi che se da una parte sono meravigliosi, illuminanti sull’editoria e i suoi meccanismi, che mi permettono di entrare nelle case editrici e conoscere chi è dall’altra parte in attesa di poterci entrare, dall’altro mi sfiniscono sempre più se sommati a un insieme di pensieri pesanti. Forse ho solo bisogno di staccare un po’ e menomale che tra poco c’è una pausa per Pasqua!
Non so come mai questo post abbia preso una piega così lamentosa ma nel dubbio possa ricaderci vi lascio una marea di baci e vado a cena ❤ Buona serata, bella gente!


#amorenoncorrisposto#Amorenoncorrisposto
di Sarah Ockler


TITOLO ORIGINALE: #Scandal
EDITORE: Newton Compton
TRADUTTRICE: Roberto Lanzi
ANNO: 2016
PAGINE: 311


Lucy ha imparato un’importante lezione dai giornali di gossip che tanto ama: evitare i riflettori e custodire gelosamente i segreti. Un sistema che ha funzionato per tutto il liceo. Ecco perché, quando la sua migliore amica Ellie si ammala poco prima del ballo di fine anno e le chiede di accompagnare il suo fidanzato Cole, Lucy preferisce non dirle che per la serata aveva in mente tutt’altro. E soprattutto che è segretamente innamorata di Cole fin dalla notte dei tempi. Ma quando lui la bacia alla fine del ballo, Lucy sa di dover confessare a Ellie ciò che è successo. Prima ancora che riesca a parlarle, però, qualcuno posta sulla sua pagina facebook le foto del bacio con Cole, insieme a un sacco di commenti maliziosi. Nel giro di due giorni, Lucy ha già la fama di una poco di buono, una narcisista, una che pugnala gli amici alle spalle. Cosa potrà fare per tenersi Cole e non perdere la faccia?



· Recensione ·

So di essere una canaglia. So che, nonostante il tempismo perfetto della rottura tra Ellie e Cole, io mi merito lo scandalo e tutte le angherie che ne sono seguite. Che hanno tutti ragione su di me. Troia. Spia. Bugiarda. Rovinafamiglie. Oltre che pugnalatrice alle spalle dell’amica del cuore e persona cattiva a trecentosessanta gradi. Mi sono guadagnata la pagina Polposa Lucy, i volantini sull’armadietto, i sorrisetti di accusa nei corridoi.
Senza cuore, mi hanno urlato dietro l’altro giorno. Una stronza senza cuore. Ma è qui che casca l’asino.
Se sono così senza cuore, cos’è allora questo graffio nel petto, bruciante, ma pieno di speranza, che pulsa così forte da impedirmi di dormire, di pensare? Che cos’è che mi fa star male quando lui mi bacia, quando mi allontano da lui?

Il cyberbullismo è una tematica complessa di cui sempre più si sente parlare e su cui ci si interroga, si dibatte, si cerca di capire come arginare ed è comprensibile che inevitabilmente diventi il tema centrale di un romanzo, come accade in #Amorenoncorrisposto. Essendo qualcosa di sfaccettato e difficile, ho avuto paura di leggere questo romanzo, finché non l’ho effettivamente fatto e il terrore di trovarsi davanti qualcosa che banalizzasse un problema serio, reale e quantomai attuale è sfumato via in un attimo lasciando il posto a una sensazione strana, di calore oltre che di comprensione. E la chiave sta proprio nel non aver reso il bullismo il centro di ogni discorso, appesantendo la lettura e rischiando di cadere nel pedante, ma nell’essere capace di parlarne anche con ironia e leggerezza, senza però svilirlo. Questa è la chiave del successo di questo romanzo, a mio parere. Ed è strano, se si considera che il titolo italiano lascia presupporre che al centro della storia stia l’amore, quando questo in realtà è solamente chiamato in causa di striscio, ma soprattutto un amore non corrisposto – cosa che non è e lo si mostra quasi subito. Vero e principale argomento di cui si parla nel romanzo è invece uno scandalo: sul profilo Facebook di Lucy compaiono foto compromettenti di un sacco di suoi compagni e persino di se stessa, perché tra le tante ce ne sono alcune che la ritraggono mentre bacia Cole, di cui è segretamente innamorata da quattro anni e che è il ragazzo della sua migliore amica, Ellie. Quest’ultima assente al ballo perché malata e aveva costretto proprio l’amica ad accompagnare Cole, senza aspettarsi d’esser pugnalata alle spalle. È quindi automatico che in pochissimi istanti i compagni di scuola e il web si rivoltino contro Lucy, nascano pagine Facebook che le rivolgono offese a dismisura e nei corridoi sia bersaglio di scherno e cattiveria gratuita. Il problema, però, sta nel fatto che non è stata lei a postare alcunché, visto che proprio la mattina dopo il ballo, quando si sveglia, dopo aver dormito – e solo dormito – con Cole, si accorge di aver perso il cellulare. Ma la sparizione dello smartphone e le foto online non sono l’unico dei suoi guai, poiché scopre che Ellie non è stata del tutto sincera e che nel giro di qualche ora si ritrova a essere la vittima preferita dei bulli, sul web e nella vita di tutti i giorni.
Lucy, quindi, improvvisamente sola perché le sue amiche l’hanno abbandonata, incapace di reagire alle accuse, è vittima due volte: la prima perché oggetto della meschinità di adulti e ragazzi che sfogano su di lei errori che andrebbero condivisi – perché se è vero che il cellulare è di Lucy, quel che le foto ritraggono è successo davvero e su quello ci si dovrebbe porre domande -, la seconda perché finisce per credere a quello che di lei si dice, a non volersi difendere perché pensa di essere la peggior amica del mondo, oltre che la rovina dell’intera scuola. Ed è qui che mi sono definitivamente innamorata del suo personaggio, perché è quanto di più realistico si possa trovare, specialmente in una ragazzina che già di per sé prima era abituata a tacere, a non manifestare le sue sofferenze, e con la sorella, e con l’amica. Con chiunque.
Fortunatamente ha dalla sua, oltre che quel personaggio magnifico e positivo che è Cole, dei nuovi amici, i membri del mal(e), apparentemente strambi nelle loro idee, ma in realtà capaci di differenziarsi dalla massa e avere idee personali. E capaci di mostrare quali sono i rischi del world wide web, quanto questo stia condizionando le vite anche al di fuori di esso, addirittura arrivando a mostrare la fragilità dei rapporti, la facilità con cui chi credi più vicino ti abbandona o ti si rivolta contro.
Insomma, #Amorenoncorrisposto è prima di tutto una storia d’amicizia e di bullismo – ed è per questo sbagliatissimo lasciarsi fuorviare da titolo e trama italiani -, una storia che parte in sordina per poi alzare la voce e far vivere i sentimenti di Lucy in prima persona, un’eroina non #Scandalperfetta ma vera, in tutte le sue contraddizioni e paure che sulla propria pelle sperimenta l’emarginazione sociale e le conseguenze del non aver possibilità di dire la propria, d’esser condannati senza appello né prove. Tuttavia, qualcosa stride e non mi ha fatto dare un punto in più al romanzo. Ed è stato, assieme allo schema simile a Gossip girl, non l’atteggiamento degli adulti, i genitori dei vari ragazzi coinvolti nello scandalo, pronti a gridare ingiurie e offese senza il minimo pensiero a una ragazzina (irritante ma piuttosto realistico se ci si pensa), quanto quello della preside, ben consapevole di un enorme caso di bullismo tra le mura scolastiche ma incapace di prendere provvedimenti adeguati, limitandosi a battute che di ironico avevano poco e semmai la mostravano ancora più limitata e a punizioni insensate, perché colpevolizzare qualcuno vittima di bullismo non mi sembra la soluzione al problema né il miglior modo di gestirlo. Ma, a parte queste piccole pecche, rimane un ottimo romanzo, che lancia numerosi spunti di riflessione e cerca di far passare un messaggio importante, in un momento in cui se ne ha davvero bisogno. La lettura è, insomma, quanto mai consigliata.

«Non c’è malalingua o scandalo al mondo che possa mutare i tuoi sentimenti. Sei già scesa sul campo di battaglia, giusto? E allora combatti».Jayla raccoglie il bicchiere e si china per darmi un bacio sulla testa, seguita come sempre dalla scia del suo profumo alla pera. «Dacci sotto, cazzo».

4/5
📚📚📚📚

Annunci

2 pensieri su “Recensione ~ “#Amorenoncorrisposto” di Sarah Ockler

  1. Ho snobbato questo libro sin da quando è uscito, ma nel giro di pochi giorni ho letto due recensioni molto entusiaste e checavolononsochefare. Vorrei leggerlo perché la storia sembra più interessante di quello che fanno intendere cover e trama, ma allo stesso tempo ho paura perché ultimamente le mie esperienze con i ya\na non sono state tra le migliori (e mi sono anche ripromessa di non leggerne per un po’ xD). Per il momento aggiungiamolo in wishlist, magari attenderò un po’ 😀

    Mi piace

    • Come ti capisco! Sono in un periodo in questi ultimi giorni che proprio non riesco a leggerne. Comunquese posso darti un consiglio, questo consideralo una lettura leggera, niente di impegnativo, che forse è il modo migliore per prenderlo e non rimanerne delusi 😉

      Mi piace

Ciao lettore! Se hai letto il post, mi piacerebbe che lasciassi traccia del tuo passaggio facendomi sapere cosa ne pensi per scambiare due chiacchiere. Ti va?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...