Reading in English

Penso da tempo di fare un post del genere ma poi mi dico sempre che magari non è interessante, o che quel che penso è irrilevante. Ancora è così, ma mi rendo anche conto che dare dei consigli non è mai di troppo, specialmente in qualcosa che si conosce da vicino e, viste quante sono le serie che le case editrici abbandonano o libri che mai riusciranno a superare i nostri confini e arrivare qui, non fa mai male tener presente un’alternativa come quella del leggere in lingua inglese.

PhotoGrid_1447103401875

Why? How? What?

  • Come dicevo poche righe sopra, potrete recuperare un sacco di serie che qui sfortunatamente sono interrotte e scoprire libri che, chissà?, forse non arriveranno mai in Italia. Il mercato editoriale in lingua inglese è così vasto che negarsi la possibilità di trovar qualcosa di interessante o piacevole da leggere è quasi un peccato! Inoltre, se siete blogger, iscrivendovi a NetGalley, una volta accettati dall’editore/autore, potete leggere in anteprima opere da recensire: sì, lo so, è un sito meraviglioso ❤
  • Leggendo in inglese – ma questo lo sanno anche i sassi – si imparano, poi, strutture e parole che altrimenti non sarebbero entrate in testa, perché non c’è niente di meglio che apprendere senza rendersene conto. Ovviamente, per cominciare una buona base è necessaria ma non lasciate che la paura vi allontani: cominciate piuttosto con un libro che avete già letto in italiano. Uno young adult o un new adult qualsiasi potrebbe essere il punto d’inizio, prima di avventurarsi in fantasy o nella narrativa. Il mio primo libro credo sia stata una tragedia shakespeariana e credetemi se vi dico che a dodici anni quello può spaventare tanto quanto a ventuno. Non azzardatevi sui classici come prima cosa, quelli sono al momento per chi si è fatto le ossa e ha tanto fegato; ma se proprio volete, ricordatevi che l’inglese precedente al 1700 è solamente un cugino lontano di quello moderno e che anche un madrelingua ha seri problemi a leggerlo, figuriamoci a capirlo.
  • Non è semplice per niente, specialmente la prima volta. Non starò certo qui a dirvi che sarà una passeggiata di salute, ma se non vi arrendete e soprattutto ci mettete la dedizione verrà più facile di quel che può sembrare. Questo per dirvi che non capirete tutto a primo impatto, ma non scoraggiatevi. A tal proposito, se lo sentite però come un peso, cambiate libro: leggere dev’essere piacevole, non una rogna che vi fa sbuffare a ogni frase.
  • Non prendete assolutamente un dizionario, ma andate avanti: non comprenderete ogni parola, ma il contesto dà molti più indizi di quanto pensiate e vi svelerà molto probabilmente il senso di quella parola che vi sta sfuggendo. Provate a coprire quella parola con un dito, pensate adocchiando il contesto cosa potrebbe starci bene: nove volte su dieci ci siete andati abbastanza vicino, ed è così che si impara e ci si rafforza allo stesso tempo. Ci vorrà del tempo e tanto dipende dalla vostra base di partenza, ma diventerà sempre meglio più proseguite. Se può aiutarvi, potete appuntarvi phrasal verbs, parole e magari collocations da qualche parte e cercarle in seguito; fermarsi mentre si legge per cercarne una di volta in volta renderebbe la lettura davvero una noia colossale, meglio lasciarlo per un momento successivo.
  • Un ulteriore consiglio che mi sento in dovere di dare è di non abbandonare però l’italiano e le traduzioni. Serve sempre tenere d’occhio quanto, come e cosa viene tradotto. A me ha sempre affascinato e il mio percorso probabilmente ne parla da solo, ma niente di meglio che confrontarsi con le traduzioni per conoscere sempre più a fondo la propria stessa lingua, e quindi leggere meglio.

Spero che questi piccoli suggerimenti dalla mia esperienza siano utili a qualcuno. Sono tutti consigli ricevuti negli anni da insegnanti e lettori madrelingua e, posso assicurarvi, per una che legge in altre lingue dall’età delle medie, sono stati davvero utili. Se avete dubbi o volete approfondire qualcosa, mi trovate qui.

Un abbraccio,
Cee

Annunci

2 pensieri su “Reading in English

Ciao lettore! Se hai letto il post, mi piacerebbe che lasciassi traccia del tuo passaggio facendomi sapere cosa ne pensi per scambiare due chiacchiere. Ti va?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...