Top five · International friendship day

Nel 2011 l’ONU ha istituito la giornata internazionale dell’amicizia e quale modo migliore di celebrarla se non con una top ten (che ormai sapete, nel mio caso, è totalmente a casaccio e non secondo una classifica) dei cinque libri young adult che più a mio parere la rappresentano nel migliore dei modi?

Cercando AlaskaI personaggi di Green sono tra i miei preferiti in assoluto: veri, pieni di imperfezioni, spesso ai margini e ridicolizzati, se non proprio bullizzati dai fighetti di turno. Ma veri. Capaci di provare sentimenti puri, agire commettendo diecimila sbagli e mai certi del risultato, ma forti dell’avere accanto amici veri. Cercando Alaska è solo un esempio di come l’amicizia faccia sentire importante anche chi ha sempre avuto un ruolo marginale nelle vite altrui, uno ai cui compleanni non andava mai nessuno dei compagni di classe e che, con gli amici giusti, riesce a sentire la propria voce, a esser parte di qualcosa che gli dà fiducia.
Insomma, amate Green, amate i suoi ragazzi e le sue storie. Non credo ci sia tanto di meglio in circolazione.

anteprima-the-raven-boys-di-maggie-stiefvater-L-2C4iWFI ragazzi corvo.
Che dire? Invidio a questo gruppo la solidarietà reciproca, il saper esserci per l’altro anche quando si ha la guerra in testa e il cuore distrutto e il rimanere indipendenti pur stando assieme, forti personalità che si fronteggiano e sanno smussare gli spigoli degli altri. Capaci di far gruppo anche quando non sono d’accordo sulle scelte.
Tanto ci sarebbe da dire sulla Stiefvater e la sua gang e tanto mi piace blaterarne, a tal punto che ho convinto quasi tutte le mie amiche di facoltà a tuffarvicisi di petto ques’estate per capire la profonda ammirazione che provo per ogni singola lettera di questa saga. Ma vi basti sapere che se non l’avete ancora cominciata, vi state perdendo proprio tanto!

L'angeloUn’intera trilogia sull’amicizia. Credo che ciò che emerga dai tre romanzi che compongono Le origini sia soprattutto il rapporto che lega Will e Jem. Avevo la mia OTP, fin dal primo istante, ma quel legame forte, fortissimo che tiene uniti i due parabatai è in assoluto la cosa che più ho amato, in maniera incondizionata, a tal punto che, ammetto, ho singhiozzato senza vergogna in alcune scene. Fatico ancora a recensirlo, per paura di non esserne minimamente all’altezza.
Ciò che Will e Jem condividono è più forte di tutto quanto, più forte anche dell’amore per Tessa, più forte anche del saper l’altro innamorato della tua stessa ragazza. Si sacrificano, l’uno per l’altro, si sostengono, anche nelle decisioni contrarie, si vogliono bene, nonostante tutto, sempre, e non è cosa da poco.

Resta anche domani
Non c’è una sola cosa che io non abbia amato in quelle poche pagine che formano uno dei libri più delicati che abbia mai letto. Non una sola. E non certamente la splendida amicizia che lega Mia e Kim. Cosa me lo dimostra? Una su tutte: Kim è la prima a dare a Mia un motivo per restare, a ricordarle – sebbene non sappia che può davvero sentire – che ha ancora una famiglia e che la famiglia che l’aspetta è fatta da persone che non condividono il suo stesso sangue ma che le vogliono altrettanto bene, perché gli amici sono questo, in fondo. Quella famiglia che formiamo a prescindere dai legami di parentela.

maze runner il labirintoIn un mondo in cui niente è come sembra, avere degli amici di cui fidarsi ciecamente non è qualcosa. Decisamente è tutto. Certo, l’amicizia che lega i Radurai viene messa in discussione costantemente, le dinamiche di un gruppo messo a combattere contro la morte e pericoli sempre più atroci vengono incrinate più e più volte e spesso e volentieri più che scene di affetto troviamo manifestazioni di rancore, rabbia e, talvolta, odio puro. Eppure c’è qualcosa che sotto li tiene uniti, sempre. Formano un gruppo, anche quando si oppongono gli uni agli altri, anche quando sono meschini reciprocamente e l’istinto di sopravvivenza prende più potere dell’affetto e del rispetto. Ed è solamente una delle cose che ho letteralmente adorato in questa magnifica trilogia.

post-divider-right_zpsae14badc

Ne ho scelti cinque e ho fatto fatica, sinceramente. Mi sembra sempre che non siano mai approfondite a sufficienza, che siano legami puramente di carta da cui non riesco a trarre qualcosa di più grande. Ma forse sono io che chiedo troppo a quel che leggo. Voi vorreste aggiungere/togliere qualche romanzo ya?

Ps: sono tornata operativa. Il Wi-Fi è tornato a funzionare dopo varie chiamate alla Telecom, la sessione si è conclusa (e sto già studiando per quella di settembre, perché riposarsi non è un verbo che conosco), avrò poco tempo col lavoro ma ho tutta l’intenzione di riprendere a postare con regolarità. Mi siete mancati, e niente, è bello esser tornati a casa ❤

Annunci

2 pensieri su “Top five · International friendship day

Ciao lettore! Se hai letto il post, mi piacerebbe che lasciassi traccia del tuo passaggio facendomi sapere cosa ne pensi per scambiare due chiacchiere. Ti va?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...