Blog tour: #5 “Ti presento il mio ex”, di Valeria Angela Conti. Il fenomeno chick-lit

Tempo di blog tour, questa settimana, in questo mio spazietto virtuale e non posso che esserne felice: oggi sono qui per ospitare il quinto appuntamento dedicato al romanzo Ti presento il mio ex di Valeria Angela Conti e per ricordarvi che la tappa finale prevede un giveaway da non perdere: trovate tutte le informazioni sul fondo del post! Prima di arrivarci, però, meglio se vi dico due paroline su questo romanzo.

downloadTitolo: Ti presento il mio ex
Autrice: Valeria Angela Conti
Editore: Libro Aperto International Publishing
Anno: 2014
Pagine: 148

«Cosa avrei potuto dire a Steve in questa situazione così imbarazzante? Caro, ti presento il mio ex?»
Lauren ha una vita tranquilla, una migliore amica fedele e un ragazzo fantastico. Tutto potrebbe essere perfetto se non fosse per Mark, il suo ex fidanzato, del quale è ancora segretamente innamorata.
Mark torna da lei deciso a riconquistarla, gettando la ragazza nel panico e rischiando di minare la relazione con Steve, il suo fidanzato.

Si capisce che il genere del romanzo è il chick-lit da queste poche parole, giusto?  Bridget Jones prima, Rebecca Bloomwood poi, son nomi che vi sarà capitato di sentire almeno una volta e che, anche solo grazie ai film che son stati tratti dai romanzi, un’idea di base del genere ve la possono dare, ma sappiamo cos’è effettivamente il chick-lit? Sebbene a prima vista sembri che quest’etichetta non sia che un sinonimo del romanzo rosa – dopotutto, letteralmente “chick” è una parola dello slang americano che indica un diminutivo di “chicken” (pollo), ovvero pollastrella, mentre “lit” è l’abbreviazione di “literature” (letteratura) -, in realtà i due generi sono ben distinti. Mentre nel romanzo rosa al centro della narrazione si ha una storia d’amore con dei protagonisti che, solitamente, ha caratteristiche favolistiche (intendendo con questo che spesso e volentieri abbiamo una damsel in distress che l’eroe di turno salva dal pericolo, materiale o figurato che sia), al contrario, il chick-lit, termine coniato sul finire dello scorso secolo, è popolato da donne dinamiche e intraprendenti, che con ironia e un certo spirito di iniziativa, sanno quel che vogliono e si muovono per ottenerlo, senza rinunciare all’amor proprio o alla propria dignità in favore di un eventuale lui. Insomma, di donne che non aspettano l’eroe e, tra un pasticcio e una risata, si muovono con irriverenza sullo sfondo, principalmente, di città metropolitane. Comunque, se volessimo riassumere il genere in una breve descrizione, diremmo qualcosa che suona così: scritti solitamente in prima persona da donne per le donne, i chick-lit hanno per protagoniste donne dai venti ai sessant’anni che si trovano a dove fare i conti con problemi di tutti i giorni, in amore, a lavoro, in amicizia, nei quali trovare un po’ di sé, da parte della lettrice, è semplicissimo. keep-calm-and-read-chick-lit-2Ma sarebbe riduttivo, non trovate? Ciò che rende questo genere differente, effettivamente, dal romanzo rosa e da qualsiasi altra categoria nella quale si è tentato – e si tenta ancora – di imbrigliarlo è il tono, il modo attraverso il quale la loro storia viene raccontata. Più che una narrazione romanzata, partecipata ma pur sempre distante, quella del chick-lit è decisamente partecipativa, assume una caratteristica quasi personale, ha il suono di una confidenza di un’amica che davanti a una cioccolata calda ti racconta cosa la preoccupa in quel momento ma rifiuta di perdere il sorriso anche quando per sorridere pare non aver motivo proprio. Ed è un po’ come se i suoi problemi fossero i tuoi: ti senti partecipe delle vicende, ridi con lei, soffri al suo fianco e speri che tutto fili per il verso giusto, anche quando lei si trova a dover decidere quale tra due uomini che le fanno batter il cuore sia quello che davvero le sa sconvolgere cuore e mente o sia un’imbranata cronica che inciampa nei suoi stessi piedi e affronta la vita con l’occhio irriverente di chi sa di non aver altra difesa che il prender di petto tutte le situazioni e si ritrova a balbettare davanti all’unica variabile che non aveva calcolato. E voi , ogni volta, con lei, chiaramente.
Insomma, per riassumere: protagoniste indipendenti, con una spiccata ironia, alle prese con problemi di tutti i giorni nei quali riconoscere i propri o quelli di qualcuno che si conosce. Ne state cercando uno proprio così? Il romanzo di Valeria Angela Conti è quel che fa per voi. Dategli una chance, recuperate le altre tappe se le avete perse e provate a vincerlo nel giveaway che vi aspetta nell’ultima tappa tra dieci giorni!

11059432_795894330504299_5611498946703045662_o

Annunci

4 pensieri su “Blog tour: #5 “Ti presento il mio ex”, di Valeria Angela Conti. Il fenomeno chick-lit

  1. Sono un’accanita lettrice, e chi mi conosce lo sa, ma molto spesso quando si parla di genere di scrittura ecco qui mi perdo, non sono molto ferrata sulla differenza dei generi, anche perchè leggo un pò di tutto a seconda dell’umore, della voglia e di quello che mi ritrovo tra le mani, ma forse è più giusto dire che alle volte sono proprio i libri che mi chiamano, perchè lascio un libro nel lettore o nella libreria per chissà quanto tempo e poi mi giro e me lo ritrovo tra le mani con una voglia incredibile di leggerlo. Bhà io sono così un pò stranuccia lo so.
    Ti ringrazio di avermi chiarito cosa si intende per Chick-lit, almeno ora più ben chiara la differenza tra un rosa e un chick-lit, non si è mai finito di imparare e grazie a queste meravigliose blogger sempre più spesso imparo qualcosa.
    condiviso su

    Mi piace

    • Innanzitutto grazie davvero dei complimenti, quel che ho fatto mi sembrava il giusto chiarimento: spesso i due generi – entrambi bistrattati dai più, ahimè! – vengono confusi ed è anche giusto che si riesca ad apprezzarne le differenze. Per cui, se son riuscite a renderle chiare, son davvero felice!
      E non temere, anche io sono una lettrice che sceglie totalmente a caso le letture: quello che mi chiama, vince sempre, a prescindere da autore, titolo o trama, nonostante cerchi di farmi delle liste o dei piani. Niente da fare! Ma forse è anche questo il bello, si va in base all’umore dopotutto ❤

      Mi piace

Ciao lettore! Se hai letto il post, mi piacerebbe che lasciassi traccia del tuo passaggio facendomi sapere cosa ne pensi per scambiare due chiacchiere. Ti va?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...