Sunday read-day #4

Amicicci, il mese scorso ho saltato questa rubrica, causa esame imminente, ma il mio buon proposito per quest’anno è non lasciar indietro alcun post perciò eccoci qua, a parlare delle mie prossime letture mensili. Be’, credo che questo mese avrò leggermente più tempo rispetto a dicembre, visto che ho solo un corso da quattro ore settimanali da seguire e moroso ha ben pensato di regalarmi un Kobo Aura col quale impiegare le ore in treno da e verso la facoltà, ma staremo a vedere. Essendo gennaio, ho pensato bene di alzare l’asticella su Goodreads e porre come obiettivo annuale 200 libri perché masochismo è l’anagramma del mio nome e devo battere i 182 del 2014; potevo perciò non tentare di completare la bellissima carrellata storica di libri ya proposta da Epicreads (la trovate qui) che parte dall’Età del bronzo e arriva alla fine del 1900? No, appunto, ecco perché con la Chiù di Chiaraleggetroppo ci stiam organizzando per completarla (o almeno provarci!) assieme ❤

71aq+yy17CL
Per quanto riguarda gennaio, vi ho detto che la signorina qua sopra, assieme a Ilaria e Cristina, propone la lettura corale delle Cronache di Magnus Bane della Clare? Per partecipare vi basta iscrivervi all’evento su Facebook, seguire il calendario proposto e commentare su tutti i social con l’apposito hashtag! Sto aspettando di leggerlo dallo scorso aprile, quando ho terminato Shadowhunters Le origini e ho avuto la netta convinzione che, assieme a Sebastian, lo stregone Magnus fosse il personaggio più figo della saga. Più misterioso di lui, non ce n’è e quale occasione migliore per scavare nel suo passato che leggere alcune delle sue avventure più memorabili?
Trama:
Chi è davvero Magnus Bane? È forse l’individuo misterioso che s’insinua nelle trame della Rivoluzione francese, o lo strampalato europeo che crea scompiglio in un remoto Perù dell’epoca coloniale, o il venditore di alcolici che sfida il proibizionismo nella Manhattan degli anni Venti? E se invece fosse soltanto un giovane alla moda, sempre pronto a scendere in pista nelle discoteche più elettrizzanti nella New York degli anni Settanta?

downloadE da read-alongread-along si arriva al libro che sto leggendo da qualche giorno col club del libro, ovvero L’anno di ferro, primo volume dell’accoppiata Clare-Black della serie Magisterium che, per ora, mi sta piacendo proprio tanto. E lo dico con tutto lo scetticismo possibile, visto che i testi scritti a quattro mani difficilmente, nello stile e nella dipanazione dei fili dell’intreccio, riescono a convincermi e al momento questo lo sta facendo alla grande. Ho letto di tanti che lo han paragonato (non in maniera gentile) a Harry Potter, ma da brava inetta non l’ho mai letto perciò, se siete fan della saga, perdonate il mio entusiasmo!
Trama:
Quando raggiunge la grotta in cima al ghiacciaio, Alastair capisce subito che il Nemico l’ha preceduto. Sua moglie Sarah è stata uccisa, come gli altri maghi lì rifugiati. Solo il debole vagito di un neonato lo rincuora: suo figlio Callum, seminascosto accanto al cadavere della madre, è ancora vivo. Ma quando Alastair lo prende fra le braccia, le terribili parole incise nel ghiaccio da Sarah prima di morire lo fanno inorridire… Dodici anni dopo, quando Call viene ammesso al Magisterium, la prestigiosa accademia riservata ai ragazzi dotati di talento magico, suo padre è contrario: sin dalla più tenera età ha insegnato al figlio a diffidare della magia. E ora Rufus, il magister più anziano della scuola, lo ha ammesso all’Anno di Ferro, il primo del Magisterium. Call non può sottrarsi al suo destino. La magia scorre, in certe famiglie. Ma sul destino di Call incombe fin dalla nascita l’artiglio del Nemico.

serieblackDa finire assolutamente in questo mese, poi, c’è la saga Black Friars della De Winter (qui trovate la mia recensione del primo volume della saga, L’ordine della spada), ovvero qualcosa che è molto vicino ad essere una droga e che venerdì sera mi ha tenuta incollata alle sue righe fino alle tre e mezzo di notte.
Niente, nei suoi libri, mi sembra mai fuori posto, e, anzi, tutto regge alla perfezione: lo stile, la caratterizzazione dei personaggi, la costruzione degli eventi. Le emozioni che sa trasmetterti in maniera poetica e suggestiva. Sono innamorata, non c’è niente da fare e non ho in programma di farmela passare tanto presto! Al momento, sto leggendo L’ordine della chiave e, lasciatemelo dire, seguire la narrazione tramite Axel è qualcosa che rende ancora più meraviglioso qualcosa che non aveva niente da invidiare alle serie più vendute al momento.
Trama:
Axel Vandemberg, giovane crede al trono del regno più importante del Vecchio Continente, farebbe qualsiasi cosa per amore, anche picchiare uno dei suoi migliori amici. Imprigionato nel carcere degli studenti per una rissa, il suo unico, struggente pensiero è dedicato a Eloise Weiss, la ragazza cui ha consacrato la vita fin dall’infanzia. Axel non sa che il suo mondo sta per essere sconvolto dal fatale incontro con Belladore de Lanchale, una cortigiana dal fascino oscuro che ben presto imprigiona il ragazzo in una trama fitta di bugie e ricatti. Mentre Axel lotta contro la seduzione del male, la città pare farsi specchio dei suoi tormenti, trasformandosi in uno scenario di efferati delitti. Protetto dalla notte, tra i vicoli non ancora illuminati dalla luce a gas di una città ammantata di atmosfere gotiche, un assassino inafferrabile uccide giovani umane e bellissime vampire. Unica traccia utile alla Magistratura incaricata delle indagini è il macabro e accurato gioco dell’omicida, che ricompone i corpi delle vittime ispirandosi a celebri fiabe: Raperonzolo strangolata dalle sue lunghe trecce, la Bella Addormentata dilaniata dal morso del principe. Biancaneve avvelenata dalla mela…
silver
Non ho dimenticato il secondo volume di Silver, della Gier: La porta di Liv. Avrei voluto leggerlo nelle settimane scorse ma ho dovuto rimandarlo e seguire, più che volentieri, il #Blogmas con post a tema natalizio. Adesso che ho tempo di spaziare e scegliere le letture più liberamente, non vedo l’ora di lanciarmi nei corridoi dei sogni con Liv e la banda sgangherata di sognatori abusivi che avrei proprio voglia di incontrare nel sonno!
Trama:
Liv è sconvolta: Secrecy, la misteriosa autrice del blog più frequentato della scuola, conosce i suoi segreti più intimi e non si fa scrupolo di raccontarli a tutti. Come è possibile? E cosa le nasconde l’affascinante Grayson, che è diventato il suo “fratellastro” da quando la mamma di Liv è andata a vivere con il padre di lui, trascinando anche lei e la sorellina Mia in questa nuova avventura? Ma soprattutto, quale presenza oscura si aggira di notte negli infiniti corridoi del mondo dei sogni di Liv, un mondo che, incredibilmente, condivide con altre persone? E cosa significano gli improvvisi episodi di sonnambulismo di Mia? Incubi, misteriose apparizioni e pericolose cacce notturne non favoriscono certo la tranquillità di Liv, che di giorno è alle prese con una famiglia allargata davvero complessa, grazie anche alla gemella di Grayson, la splendida e spocchiosissima Florence, e alla loro terribile nonna, che non fa mistero di non approvare Liv, Mia e la loro madre… per non parlare del cane e della bambinaia! Per fortuna che c’è Henry, il suo ragazzo non solo nei sogni, ma anche qui la situazione non è semplice. E per di più sembrano esserci in giro parecchie persone che hanno ancora dei conti in sospeso con la nostra eroina e non solo di notte…

Sei libri mi sembrano già abbastanza, per non farvi addormentare sulle tastiere mentre mi leggete, ma sicuramente finiranno tra le letture altri volumi di cui poi vi parlerò nelle recensioni. A tal proposito, vi do appuntamento a domani con la recensione del lunedì!
Ma voi cosa avete in programma di leggere? Quali sono le vostre prossime letture?

Annunci

5 pensieri su “Sunday read-day #4

  1. due giorni fa, in ebook, ho iniziato (e finito il giorno dopo) Storie di gatti, di James Herriot; adesso devo dare una spulciata tra i miei libri, quelli che mi sono rimasti in arretrato… 🙂

    Mi piace

Ciao lettore! Se hai letto il post, mi piacerebbe che lasciassi traccia del tuo passaggio facendomi sapere cosa ne pensi per scambiare due chiacchiere. Ti va?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...